mercoledì 10 febbraio 2016

Yoga al Mao

Tutto è iniziato mentre ero alla ricerca di attività che favorissero la concentrazione, alcune mi sono piaciute talmente tanto da attivare subito la mente e "vomitare" fuori idee...
Fra queste lo Yoga, sono andata in biblioteca ed ho letto alcuni libri, ho acquistato il libro di Claudia Porta "Giochiamo allo yoga", insomma mi sono preparata ed ho iniziato a giocare con i Cioccopupetti. Ci siamo ritagliati un momento la domenica sera, dopo cena, prima di andare a dormire, abbiamo cominciato con la lettura del libro, con la conoscenza della respirazione e di alcune asana semplici.
Nelle domeniche successive siamo partiti dalla respirazione, lenta, abbinata a movimenti lenti, abbiamo giocato slow motion, abbiamo inventato una storia a catena usando le asana conosciute, ho iniziato io decidendo il luogo, poi ha continuato Gianduiotta con due personaggi (animali), poi ha continuato OvettoK, di nuovo io..., gli animali ed alcuni luoghi li rappresentavamo con le asana. Altre volte abbiamo iniziato da giochi più movimentosi, per poi tranquillizzarci, insomma mi sono sempre basata su come stavano loro.
Infine, nel letto ho usato il training autogeno, una tecnica di rilassamento, partendo dai piedi che diventano pesanti pesanti e sprofondano nel letto, ...fino ad arrivare alla testa, che diventa pesante pesante e sprofonda nel cuscino.

In definitiva lo yoga ci sta aiutando a ritrovare un senso di calma e di relax, a migliorare la capacità di attenzione e concentrazione, a stimolare l'equilibrio, a favorire la libertà di espressione.


Ormai è da un pò che pratichiamo questo nostro yoga anche se qualche domenica la saltiamo, non ci siamo fatti sfuggire, però, l'evento "Yoga in museo" tenuto presso il MAO di Torino, l’attività, è stata un’occasione per adulti e bambini per trascorrere insieme un momento di serenità, complicità e divertimento in compagnia delle opere del Museo, guidati dall'insegnante di Yoga Camilla Guillaume.
Abbiamo visitato le opere del museo tra cui Ganesha, 


poi in aula didattica c'è stato il rito iniziale con il saluto, un pò di riscaldamento con esercizi di movimento e per scaricare le energie in eccesso, a seguire le asana (posizioni) con il racconto di una storia con esercizi e dinamici, successivamente abbiamo giocato divisi in due gruppi, infine c'è stato il rilassamento ed il rito finale (saluto) con mantra rituale di congedo.


poi in aula didattica c'è stato il rito iniziale con il saluto, un pò di riscaldamento con esercizi di movimento e per scaricare le energie in eccesso, a seguire le asana (posizioni) con il racconto di una storia con esercizi e dinamici, successivamente abbiamo giocato divisi in due gruppi, infine c'è stato il rilassamento ed il rito finale (saluto) con mantra rituale di congedo.
Bella esperienza e bello il museo, particolare rispetto agli altri in cui siamo stati.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...