domenica 12 agosto 2012

Dalla pecora nera a Torre Pellice

Dopo un mese passato al mare, abbiamo deciso che quest'anno ad agosto, con CioccoPapà, saremmo andati in montagna. Ho pensato di cercare un luogo dove si potesse "fare" qualcosa, ho scelto come percorso multidisciplimare la pecora, ho cercato in Piemonte, dove viviamo, perchè non avevamo voglia di trascorrere ore in auto. Alla fine ho chiesto aiuto a Marzia di Storie di pascolo vagante, chi meglio di lei poteva indirizzarmi nel posto giusto.
Siamo andati sopra Torre Pellice, una stradina un pò impervia ci ha portato a casa di Sasha, che poi ho scoperto che già conoscevo, perchè ha fatto fare le saponette scrub a Manualmente ai cioccopupetti e lavora al Feltrificio Crumiere, dove sono stata a maggio con gli alunni.
Questo è il suo blog, pecora nera notizie da montelepre. Sasha vive con il suo compagno e tre bambini (la più grande è una ragazza di 13 anni), vicino a lei vive la mamma, il padre e suo fratello Robin con la compagna e due bimbottoline simpaticissime.
Devo dire che è stato tutto fantastico, Sasha e la sua famiglia sono stati molto ospitali, disponibili, ci hanno fatto sentire in famiglia, le attività che ha fatto fare ai Cioccopupetti accattivanti, coinvolgenti e istruttive.
Per Gianduiotta è stata un'esperienza di scoperta del suo corpo, ha imparato a muoversi sulle salite e per le discese, ha fatto suoi gli spazi intorno alle case, ha sperimentato che si può cadere, ma ci si rialza e si riprende a correre, ha imparato ad infeltrire la lana e creare borsette, ha imparato ad accarezzare conigli, capre, pecore e cani.
OvettoK è stato quello che più di tutti ha tratto beneficio da questa vacanza, abbiamo capito che ha bisogno di muoversi, di trascorrere il suo tempo all'aperto, ha giocato e svolto attività con Yannick, il figlio di Sasha, apprendendo da lui a fare con calma e pazienza il fuoco, guardandolo ipnotizzato mentre suonava la batteria, correndo insieme per i prati per arrivare al recinto delle pecore.
Per noi è stato un momento lontano dalla tecnologia, lasciato a casa il pc, spento il telefono, abbiamo apprezzato lo stare insieme, passeggiando, ascoltando i rumori della natura e delle nostre voci, uniche a risuonare sui pascoli.
Condividere una stanza, in una baita, il letto a castello per la prima volta per i cioccopupetti.

E poi, cosa per noi inusuale, stare con gli animali, avere in comune spazi, ricercarne la presenza per giocare ed imparare.



Scoprire che qualcuno di notte è sveglio ed è attirato dalla lucina notturna nella stanza

Nei post successivi racconterò cosa abbiamo creato...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...